Razzismo a Borgo, recuperare cultura della relazionalità

A Borgo in ospedale una donna se la prende con “una negra che non è neanche capace di parlare l’italiano”, e che è in realtà una dottoressa che l’ha appena visitata. A Levico e nei paesi vicini compaiono scritte naziste, inaccettabili e volgari, sui muri. Proprio in questi giorni a livello nazionale si discute di un aumento dei fenomeni di razzismo e negli Stati Uniti delle stragi del suprematismo bianco. In questo contesto fanno soltanto arrabbiare le parole di chi dovrebbe rappresentare le istituzioni e che invita, commentando gli insulti razzisti alla dottoressa trentina, “all’educazione e al rispetto”: ma stiamo scherzando? Questi gravissimi episodi trovano il loro fertilizzante nella cultura …

Leggi →

A quando il difensore civico?

Interrogazione A QUANDO IL DIFENSORE CIVICO? Come noto, con le elezioni amministrative provinciali dello scorso 21 ottobre ha preso avvio la XVI Legislatura della Provincia autonoma di Trento e con Decreto del Presidente della stessa n.23/1 del 13 novembre 2018 è stata nominata la Giunta provinciale che, fra i suoi molti compiti, deve provvedere anche al rinnovo di alcuni ruoli importanti del sistema pubblico provinciale come quello del Difensore Civico e Garante dei Minori. Da quella data di nomina sono trascorsi ormai otto mesi e venti giorni ed ancora non si ha notizia minima dell’adempimento del compito sopracitato da parte della Giunta provinciale. Nominato con deliberazione del Consiglio provinciale n. …

Leggi →

Appalto pulizie, quale la linea della Pat?

Interrogazione PRIMA I TRENTINI? CHIACCHERE! L’attuale vicenda legata all’appalto generale dei servizi di pulizia per gli enti pubblici del Trentino è, al di là di ogni altra considerazione, emblematica della distanza siderale che separa le facili promesse elettorali e gli slogan da gazebo dalla traduzione delle stesse in realtà. Ormai da tempo sentiamo ripetere frasi fatte che inneggiano alla volontà di favorire una presunta “supremazia” trentina nei settori economici e dello sviluppo, per poi ritrovarci con un appalto di notevoli dimensioni economiche per i servizi di igiene minima dal quale, per i meccanismi dello stesso, sono praticamente escluse le aziende trentine del settore. A fronte di questa situazione la Giunta provinciale, evidentemente presa in contropiede, risponde in modo vacuo e non …

Leggi →