Interrogazione n.

Chiusura temporanea del Day Hospital a Borgo. Quali prospettive?

Nei giorni scorsi è stata data comunicazione ai pazienti in cura presso il day hospital oncologico dell’ospedale di Borgo di una chiusura temporanea del reparto, per due settimane, per riaprire quindi dopo il 20 settembre.

Pare che le motivazioni siano riconducibili alla turnazione dei medici, ai quali deve essere garantito un periodo di ferie obbligatorio (e per questo ovunque nel periodo estivo è sempre più complesso avere reparti in piena efficienza) e a una maternità.

Motivazioni comprensibili, ma per i pazienti dover spostarsi a Trento è sicuramente un disagio. Nella programmazione della rete ospedaliera è doveroso concentrare alcune attività complesse che richiedono casistica adeguata. Devono invece essere decentrate più possibile le attività che possono essere erogate sul territorio togliendo l’onere di spostamenti ripetuti soprattutto a pazienti per i quali spostarsi può essere particolarmente faticoso. E’ proprio questa la funzione dei DH oncologici.

Tutto ciò premesso, interrogo il Presidente della Provincia autonoma di Trento, per sapere:

- se è corretto quanto riportato in premessa e quando si prevede di riprendere l’attività di DH oncologico presso l’ospedale di Borgo Valsugana;

- se non si ritenga opportuno un potenziamento dell’organico in un settore molto delicato e importante, che recentemente ha visto la perdita di alcuni medici e che richiede competenze professionali ed umane molto elevate;

- quale sia la programmazione e quali le proposte messe in campo dalla giunta per evitare un abbassamento della qualità delle prestazioni e garantire attrattività per i professionisti in un settore centrale come quello oncologico.

A norma di Regolamento si richiede risposta scritta.

Distinti saluti.

– Cons. Luca Zeni -