aereofotografie dell'ospedale di s, Chiara  a Trento 22 aprile 2004L’assessore alla salute e politiche sociali Luca Zeni, accompagnato dal direttore generale dell’APSS Luciano Flor, ha incontrato ieri, nel tardo pomeriggio, i direttori e i coordinatori infermieristici delle unità operative dell’ospedale Santa Chiara.

Un primo incontro per fare la conoscenza reciproca e iniziare a confrontarsi su alcune tematiche relative al servizio sanitario provinciale e al ruolo del Santa Chiara all’interno della rete ospedaliera. La riunione è stata aperta dal direttore dell’ospedale, Mario Grattarola, che nel presentare i direttori e i coordinatori di unità operativa ha espresso riconoscenza a tutto il personale e ha evidenziato «se il ruolo Santa Chiara si è ampliato ed è cresciuto nel tempo il merito è delle persone che nell’ospedale lavorano. Professionalità, affidabilità e ottima assistenza ai pazienti, che sono anche state recentemente apprezzate e riconosciute da parte di Joint Commission International con la conferma dell’accreditamento, fanno del Santa Chiara un punto di riferimento a livello provinciale».
È poi intervenuto il direttore generale Luciano Flor che ha posto l’attenzione sull’importanza del lavoro di squadra per rispondere alle future sfide del servizio sanitario provinciale.
Nel corso dell’incontro i direttori di unità operativa hanno richiamato l’attenzione dell’assessore Zeni su alcune tematiche inerenti l’operatività del Santa Chiara, dalle dotazioni tecnologiche e strutturali a quelle di personale e hanno auspicato un confronto attivo per affrontare e risolvere le criticità. Da parte dei primari è inoltre emersa la richiesta di avere certezze nella realizzazione del nuovo ospedale.
L’assessore Zeni, dopo aver ringraziato il personale per l’impegno e la professionalità, ha evidenziato l’importanza di agire in sintonia e collaborazione, ognuno con il proprio ruolo, per garantire al cittadino riferimenti chiari che diano fiducia nel sistema sanitario provinciale. L’incontro si è chiuso con l’impegno dell’assessore a ritrovarsi per affrontare i temi della riorganizzazione dei servizi. «La mia volontà – ha detto Zeni – è quella di garantirvi il massimo coinvolgimento possibile lavorando a fianco dell’APSS con la volontà di non nascondere i problemi ma di affrontarli e risolverli».

«È stato un incontro importante – ha commentato l’assessore Zeni a margine della riunione – perché l’ospedale Santa Chiara nel sistema ospedaliero trentino riveste un ruolo centrale e in attesa della realizzazione del Nuovo Ospedale del Trentino abbiamo il dovere di mettere i professionisti nelle condizioni di lavorare al meglio. Ho avvertito forte consapevolezza del ruolo rivestito e della responsabilità che ne consegue, sono convinto che lavorando più possibile in maniera condivisa riusciremo a garantire un alto livello di qualità dell’offerta sanitaria».
Al Santa Chiara l’assessore Zeni ha inoltre inaugurato la mostra «La sanità al tempo della Grande Guerra» organizzata in occasione dei vent’anni di attività dell’APSS e del centenario della Prima Guerra Mondiale. L’esposizione che sarà presente al piano terra dell’ospedale Santa Chiara fino al 2 ottobre vuole rendere disponibili nei luoghi di cura documenti e immagini relativi alla sanità civile e militare del periodo 1914 – 1918 provenienti dagli archivi trentini.

Lascia un commento