Approvata nella seduta del consiglio regionale del 23 gennaio 2013 la nuova legge sui comuni, il disegno di legge 15: ““Modifiche alle disposizioni regionali in materia di ordinamento ed elezione degli organi dei comuni”.

La nuova normativa, in sintesi, prevede una riduzione del 7% delle indennità dei sindaci e degli assessori dei 332 comuni della regione ed una riduzione complessiva di circa 540 assessori. Nei comuni sotto i 1000 abitanti le giunte comunali saranno composte al massimo da due assessori più il sindaco. Per quanto riguarda i consigli comunali é prevista una riduzione dei consiglieri comunali pari a circa il 10% in Alto Adige e al 20% in Trentino. Il Consiglio comunale di Trento passerà da 50 a 40 consiglieri quello di Bolzano da 50 a 45. La differenza fra le due province, nell’entità dei tagli, è conseguenza della necessità di preservare la rappresentanza linguistica. Ulteriori risparmi si avranno dalla previsione che gli assessori comunali non decadranno più dalla carica di consigliere comunale con l’ingresso quindi di un nuovo consigliere. Previsto il divieto di cumulo di indennitá e gettoni per chi ricopre piú incarichi. Stabilito, inoltre, che le comunicazioni con i vari amministratori locali non avvengano più per via cartacea, attraverso i messi comunali, ma per via telematica.

TESTO DELLA LEGGE

Lascia un commento


7 − = tre